LOBELIA

lobelia

Al genere Lobelia appartengono circa 200 specie originarie dell'Oceania, America, Sud Africa, che fanno parte della famiglia delle Campanulaceae. Piante erbacee annuali o perenni che nei nostri climi si comportano da stagionali non sopportando i freddi invernali. Producono fiori tubolari che posseggono un labbro inferiore allungato rispetto a quello superiore. Le foglie di alcune specie di Lobelia, venivano utilizzate dagli indiani d'America come succedaneo del tabacco. Le specie piu' coltivate in giardino sono tre la Lobelia erinus con fiori azzurri, blu, rosso, bianco, la L. cardinalis con fiori rossi e la L. fulgens ha con foglie e fiori di colore rosso. Le piante formano cespuglietti fioriti di 20 -30 centimetri con rami che si piegano verso terra. Queste piante sono utili a realizzare bordure, vasi e fioriere in luoghi ombrosi. La pianta infatti Ŕ adatta a vegetare all'ombra o a mezz'ombra. Non Ŕ esigente in fatto di terreno ma questo deve essere comunque organico ed essere permanentemente umido e fresco senza ristagni idrici. Per il vaso Ŕ bene preparare un terricciato con 70% di torba e 30% di materiale inerte che assicuri un facile drenaggio dell'acqua in eccesso. La fioritura inizia a giugno a stagione un po' inoltrata e prosegue fino all'autunno. La pianta Ŕ generosa e va concimata con un fertilizzante complesso (NPK) solubile, sciolto in acqua da distribuirsi una volta al mese con l'irrigazione. Le lobelie sono molto resistenti alle malattie e, a parte l'accortezza di porle all'ombra e di evitare i ristagni d'acqua, non necessitano di altre particolari cure.

pianta da fiore lobelia